Antonella Di Pietrantonio e "L'Arminuta"

Una voce dirompente e ammaliatrice. Una storia incandescente

Donatella Di Pietrantonio vive a Penne, in Abruzzo, dove esercita la professione di dentista pediatrico. Ha esordito con il romanzo Mia madre un fiume (2011, Premio Tropea). Con Bella mia (2014) ha partecipato al Premio Strega e ora il suo ultimo romanzo si chiama L'Arminuta.

Romanzo che narra la storia di una ragazzina che viene catapultata nell'entroterra abruzzese e infilata a forza in una famiglia di sconosciuti dopo tredici anni vissuti in citt (con quelli che ha sempre ritenuto i suoi genitori). Una famiglia lontanissima dal suo mondo e che, ora lo sa, per la sua famiglia "vera".

Nella nuova casa affollata, povera, percorsa da un'aggressivit sempre pronta a esplodere, lei "l'Arminuta", la ritornata. la nuova sorella che Adriana, di poco pi giovane, elegge subito a complice e che il fratello Vincenzo, invece, guarda con gli occhi di un uomo. Nei mesi, negli anni, "l'Arminuta" si adatter alla nuova condizione, trovando riscatto nello studio. E la scoperta dei motivi del suo abbandono arriver alla fine, bruciante e dolorosa, insieme alla spinta a cercare un nuovo senso di s.

Scabro e intriso di una poetica ruvidezza, L'Arminuta stato definito un piccolo gioiello: l'opera di quella che Michela Murgia ha definito "una delle voci pi rilevanti, pi significative, pi letterarie del panorama italiano.

Una storia dall'enorme valore letterario, piena di forza e di amara dolcezza che pervadono ogni pagina che vi catturer grazie anche alla sua meravigliosa protagonista: una ragazzina di tredici anni che solo conoscendo le proprie origini potr riuscire a conoscere s stessa.